Featured Video Play Icon

Sonorità digitali e versi poetici. La performance per il pianeta di Luciano Cecchinel e del gruppo Tobees

Il grande poeta trevigiano, ispirato dalla bellezza e dal paesaggio, in una scuola romana insieme ai musicisti aretini che sperimentano un design acustico estrapolato dal mondo delle api. La sintesi in video di Simone Corallini

Un’atmosfera speciale, al cospetto di una platea silenziosa, che si avvicina agli strumenti prima con timidezza, poi con curiosità e stupore. Saranno sonorità e parole fuori dal comune quelle che ascolteranno le ragazze e i ragazzi del Liceo Francesco D’Assisi di Roma, convocati in aula magna per un evento unico nel suo genere, che Saperenetwork ha realizzato nell’ambito del “Festival europeo di poesia ambientale”.

 

I musicisti del progetto Tobees insieme a Luciano Cecchinel nel liceo Francesco D'Assisi di Roma
I musicisti del progetto Tobees insieme a Luciano Cecchinel nel liceo Francesco D’Assisi di Roma

 

A gestirlo, lo scorso 3 novembre, c’erano Azzurra Fragale, Marna Fumarola e Alessio Mosti, vale a dire i musicisti di “Progetto Tobees”, formazione aretina che sperimenta un design acustico basato sul campionamento di vibrazioni estrapolate dalla natura, nella fattispecie dal misterioso ecosistema delle api.

Insieme a loro, per l’occasione, una tra le voci più significative, eccentriche e impegnate, nell’accezione più autentica del termine, della poesia contemporanea: quella di Luciano Cecchinel, paladino attraverso i suoi versi della terra in cui si è formato, l’alto Trevigiano, con i suoi habitat compresi fra i palù e le Dolomiti, la civiltà rurale messa a dura prova dall’industrializzazione selvaggia, una lingua locale che sa di fermezza e sensibilità. La stessa che ispirava Andrea Zanzotto, suo maestro e sodale di una ricerca sul rapporto fra linguaggio e paesaggio che peraltro il film di Denis Brotto, Logos Zanzotto, presentato lo scorso anno a Venezia, racconta con mirabile precisione.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sapereambiente (@sapereambiente)

 

La miscela è stata splendida, grazie anche al lavoro preparatorio delle docenti che ci hanno accompagnato in questa esperienza, Paola Chiapparicci  e Maria Cristina Ventura, mentre i ragazzi s’immergevano nel flusso sonoro distribuito tramite le radio-cuffie. Le frequenze estreme e quasi umane del violino, il ronzio dello sciame che il trattamento digitale trasformava in un prezioso pattern sul quale i testi di Cecchinel, pronunciati in parte in italiano, in parte nel dialetto d’origine, si adagiavano con naturale bellezza.

 

Un momento della performance di Luciano Cecchinel e del gruppo Tobees nell'ambito del Festival europeo di poesia ambientale
Un momento della performance di Luciano Cecchinel e del gruppo Tobees nell’ambito del Festival europeo di poesia ambientale

 

In platea, quasi nascosta in fondo alla sala, avevamo con noi anche la signora Danila Casagrande, pittrice ad acquarello, che condivide con Cecchinel il cammino della vita e dell’espressione artistica. Osservava e ascoltava anche lei, ammaliata come noi tutti, questo evento prezioso, forse irripetibile, frutto in larga parte di una pregiata improvvisazione.

Ve lo regaliamo in questa sintesi in video a firma di Simone Corallini, come omaggio alla delicatezza del dire, nel segno di un incontro fra generazioni diverse che si pongono con creatività ed urgenza l’obiettivo di amare e proteggere la sfera vivente di cui siamo custodi.

Leggi anche
Al via la seconda edizione del Corso di giornalismo ambientale e culturale di Sapereambiente

Saperenetwork è...

Marco Fratoddi
Marco Fratoddi
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, è direttore responsabile di Sapereambiente, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino con un corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media dal quale è nato il magazine studentesco Cassinogreen. E' caporedattore di Agricolturabio.info, il magazine dedicato all'agricoltura che innova nella direzione del biologico e biodinamico. Ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). Ha diretto dal 2005 al 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini, è stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)