Cielo stellato

Svegliarsi presto. Siamo nell’universo,
non semplicemente nel luogo dove stiamo.
Ringraziare a oltranza, ringraziare
tutti, ringraziare sempre.

Più che andare in vacanza, diventare noi stessi un posto di vacanza.
Costruire nella nostra testa
un impianto in cui gli errori
diventano la ricetta per i nostri miracoli.
Allungare gli attimi con dolcezza.
Pensare a una persona e accarezzarla, fare questo gesto
molte volte al giorno.
Ammirare quello che siamo diventati.
Capire che gli altri esistono
anche per non capirci,
saremmo senz’aria se tutti ci capissero.
Capire che lamentarsi non serve
a niente.

Capire che ogni dono
è un progresso scientifico,
ci avvicina al bene immenso
e misterioso che fa esistere
una sedia e una stella.


La poesia è tratta dalla raccolta “Lettere a chi non c’era”, Bompiani, giugno 2021

Saperenetwork è...

Franco Arminio
Franco Arminio
Poeta, scrittore e regista italiano, è nato a Bisaccia nel 1960. Si è autodefinito "paesologo" e ha raccontatoi piccoli paesi d'Italia descrivendo con estrema realtà la situazione soprattutto del Mezzogiorno. Animatore di battaglie civili, collabora con diverse testate locali e nazionali e ha realizzato anche vari documentari. Dopo il racconto erotico L'universo alle undici del mattino, è del 2003 "Viaggio nel cratere" in cui l'Irpinia di oggi e la zona del "cratere", quella colpita dal grande terremoto del 1980, riuscendo a coniugare uno stile narrativo straordinario all’impegno civile e all’indagine psicologica. Negli ultimi anni ha pubblicato diversi libri, con notevole successo di critica e crescente apprezzamento dei lettori tra cui "Vento forte tra Lacedonia e Candela" (2008, Premio Stephen Dedalus per la sezione Altre scritture), "Cartoline dai morti" (2010), "Geografia commossa dell'Italia interna" (2013). Ha pubblicato numerose raccolte di versi, tra cui "Le vacche erano vacche e gli uomini farfalle" (2011), "Stato in luogo" (2012), "Poesie d'amore e di terra" (2017, premio Brancati 2018) e "Resteranno i canti" (2018). "L'infinito senza farci caso" (2019).

Parliamone ;-)