Luiz Inacio Lula da Silva

Luiz Inàcio Lula da Silva, 77 anni, è di nuovo presidente del Brasile dopo un difficile ballottaggio

Il ritorno di Lula, una speranza per i poveri e per l’Amazzonia

Il presidente operaio torna alla guida del paese 11 anni dopo il precedente mandato e dopo aver scontato 580 giorni in carcere per accuse di corruzione poi annullate.  La sua sarà una sfida per l’uguaglianza e la protezione dell’ambiente. Con le difficoltà che derivano da una maggioranza risicata

Luiz Inàcio Lula da Silva, a 11 anni di distanza dal suo precedente mandato, è di nuovo il presidente del Brasile. Ad ufficializzarlo, dopo il ballottaggio di ieri, è stato il Tribunale superiore elettorale: il 50,83% dei voti (59.596.247) è andato a lui, contro il 49,17% che ha raccolto il suo avversario, Jair Bolsonaro (57.675.427). Una vittoria attesa da molti, risicata, sofferta ma che sa di riscatto e resurrezione. E non solo perché l’ex sindacalista e fondatore nell’ormai lontano 10 febbraio 1980, insieme a diversi intellettuali e a Chico Mendes, del Partido dos Trabalhadores (Pt), è stato costretto a scontare 580 giorni di carcere in seguito all’accusa di corruzione (successivamente le sue condanne sono state annullate). Il ritorno di Lula rappresenta l’unica alternativa per chi ora chiede maggiori diritti e nuove politiche contro la fame.

Un paese spaccato

Senza cedere al ricatto dell’agrobusiness, delle multinazionali o di chi alimenta le attività minerarie, Lula dovrà governare un Brasile spaccato dal populismo, dalle politiche discriminatorie di Bolsonaro, dal suo negazionismo: si contano oltre seicentomila morti a causa della mala gestione della crisi pandemica. Lo stesso Bolsonaro ultraliberista che ha attaccato continuamente l’Amazzonia, i popoli indigeni e le loro terre. Queste alcune delle parole di Lula nel discorso che ha pronunciato a San Paolo subito dopo i risultati:

«Un fiume di acqua limpida vale molto di più di tutto l’oro estratto a spese del mercurio che uccide la fauna e mette a rischio la vita umana. Quando un bambino indigeno muore assassinato dall’avidità dei predatori dell’ambiente, una parte dell’umanità muore insieme a lui» .

Sostenibilità e uguaglianza

Al presidente-operaio, cresciuto nella grande povertà, spetterà il compito di ricucire le ferite del Brasile, lanciando così un segnale di speranza a tutta l’America Latina, soffiando contro l’ondata reazionaria e conservatrice mondiale che non risparmia nemmeno l’Europa (si attendono i risultati per Netanyahu e le elezioni di metà mandato in Usa). Rendendo il suo Paese protagonista delle organizzazioni mondiali: Mercosur, G-20, UnaSul, Celac, Brics. Come ha spiegato Lula, sempre nel suo discorso, il Brasile deve guardare di nuovo con fiducia la democrazia. Sfidando la forte opposizione di destra in parlamento. E attuando una nuova economia, che sappia essere sostenibile e che, in linea con il programma Minha Casa Minha Vida, abbia come priorità le famiglie a basso reddito.

Leggi anche
Bolsonaro, l'uomo che sta distruggendo il Pianeta. La denuncia di Greenpeace

Scegliere la vita

Un programma capace di prendersi cura del popolo delle “favelas”, che lo ha accolto con fuochi di artificio. Emarginati che hanno occupato le strade e le spiagge per festeggiare la sua vittoria. E che ora credono in quel modello socialista che ha già sollevato 36 milioni di brasiliani dalla povertà estrema. E proprio da qui si può pensare a una ricostruzione sociale e civile: «È tempo di deporre le armi che non avrebbero mai dovuto essere impugnate. Le pistole uccidono. E scegliamo la vita» ha detto ancora il presidente, che si insedierà il prossimo 1 gennaio. E ancora:

«La sfida è immensa. È necessario ricostruire questo Paese in tutte le sue dimensioni. Nella politica, nell’economia, nella gestione pubblica, nell’armonia istituzionale, nelle relazioni internazionali e, soprattutto, nella cura dei più bisognosi. È necessario ricostruire l’anima stessa di questo Paese. E recuperare la generosità, la solidarietà, il rispetto delle differenze e l’amore per gli altri».

Saperenetwork è...

Michele D'Amico
Michele D'Amico
Sono nato nel 1982 in Molise. Cresciuto con un forte interesse per l’ambiente.Seguo con attenzione i movimenti sociali e la comunicazione politica. Credo che l’indifferenza faccia male almeno quanto la CO2. Giornalista. Ho collaborato con La Nuova Ecologia e blog ambientalisti. Attualmente sono anche un insegnante precario di Filosofia e Scienze umane. Leggo libri di ogni genere e soprattutto tante statistiche. Quando ero piccolo mi innamoravo davvero di tutto e continuo a farlo.

Sapereambiente

Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!


Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione

 Privacy policy


Parliamone ;-)