Teatro San Carlo

Teatri chiusi, ma con #stageathome spettacoli e concerti online

I teatri chiudono i battenti per l’emergenza coronavirus ma aprono le porte con programmazioni di concerti e spettacoli online. E il San Carlo di Napoli lancia #stageathome, rendendo disponibili anche le esibizioni delle stagioni passate

Dopo i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri per le misure di contenimento del coronavirus, tutti i teatri dell’intero territorio nazionale sono chiusi. In molti hanno scelto di aprire i propri sipari sul web, con programmazioni online, trovando un modo di incontrarsi con il pubblico, almeno virtualmente.

Così, da qualche giorno, il teatro San Carlo di Napoli, ha lanciato l’hashtag #stageathome, rendendo disponibili online alcuni spettacoli delle precedenti stagioni. Basterà connettersi sui canali social (Facebook, Instagram e Twitter) e si assisterà direttamente da casa a opere e balletti ma anche a un tour guidato del teatro, approfondimenti storici e molto altro.

L’appuntamento per la trasmissione online degli spettacoli è la sera alle ore 20.

La programmazione è iniziata lunedì 16 marzo con la Cavalleria rusticana e prosegue sabato 21 marzo, sempre alle 20, con Cenerentola di Prokofiev. Il programma degli spettacoli è a link www.teatrosancarlo.it/it/pages/stage-at-home.html, sono disponibili anche interviste, backstage e approfondimenti consultabili anche da piattaforme come Raiplay, Youtube e Opera Vision.

 

Di un paio di settimane fa l’annuncio dell’avvio della Firenze Tv -il teatro a casa tua!, da parte della Fondazione Teatro della Toscana, in collaborazione con Centroradio. Venerdì 13 alle 20,45 (orario di spettacoli al teatro la Pergola di Firenze) è stato trasmesso infatti il primo contributo, di Stefano Accorsi, con una lettura dai Sillabari di Goffredo Parise.

Si tratta di una risposta tempestiva, quella  della fondazione e degli artisti aderenti, alla situazione di estrema difficoltà che sta vivendo tutto il settore dello spettacolo dal vivo.

Anche il Teatro della Toscana entra così direttamente nelle nostre case offrendo un luogo aperto e condiviso in cui tutti i teatri fiorentini e gli artisti del territorio potranno collaborare: sul canale youtube (https://tinyurl.com/firenzetv).

È già possibile fruire di molti contributi creati ad hoc: Pierfrancesco Favino, Giancarlo Sepe, Gabriele Lavia, Andrée Ruth Shammah, Glauco Mauri, Roberto Sturno, Federica Di Martino, Vinicio Marchioni, Marco D’Amore, Giulio Scarpati, Michele Santeramo alcuni tra gli artisti finora impegnati.

Guarda Vinicio Marchioni su FirenzeTv

 

Il Mamimò-teatro piccolo orologio di Reggio Emilia propone invece la sua stagione “on demand”. Si possono scegliere gratuitamente dal sito (www.mamimò.it), tra una rosa di una quindicina di proposte, alcuni spettacoli delle scorse edizioni, basta cliccare sul titolo. Variegata l’offerta: da rivisitazioni di testi classici come l’Otello (ambientato in una milonga) a spettacoli di impegno civile come Scusate se non siamo morti in mare.

Guarda la pagina Facebook del centro teatrale Mamimò

 

Del piccolo teatro reggiano segnaliamo anche la terza edizione di un bel festival che si sarebbe dovuto svolgere dal 2 al 5 aprile e che è in attesa di ridefinizione: Felicità sostenibile-eventi di spudorata propaganda a sostegno dell’ambiente con spettacoli, incontri e laboratori di sensibilizzazione a tematiche ambientali e stili di vita sostenibili.

Prosegue sul web anche il progetto Scuola InCanto organizzato dall’Associazione Musicale Europa InCanto (https://www.europaincanto.com/ e relative pagine Facebook e Twitter)  che vuole avvicinare gli alunni della scuola dell’obbligo al mondo del teatro, in tutte le sue forme: musica, danza, canto. Grazie ad appuntamenti giornalieri di didattica on line, porterà avanti il percorso di studi su L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, rivolto a bambini, ragazzi e docenti, tramite contenuti divertenti e interattivi.

Guarda il video del progetto Scuola InCanto

 

Online anche le lezioni dell’accademia di recitazione, drammaturgia e regia del Teatro Brancaccio di Roma, che per non fermarsi propone ai propri studenti la didattica a distanza, con lezioni interattive.

Numerosissime infine le piccole compagnie che per resistere e per continuare ad esistere nonostante il necessario fermo imposto dal decreto, propongono spettacoli in streaming e progetti alternativi: è il caso della compagnia romana Officinaoff che in questi giorni ha lanciato la sua campagna Affacciamoci Compagnia (#affacciamocicompagnia; canale youtube: https://www.youtube.com/watch?v=hZNurXIGS5E )  con spettacoli e letture interpretati dai balconi e dalle terrazze della Capitale il cui incasso sarà devoluto alla Croce Rossa italiana.

Guarda il video del progetto #affaciamoci compagnia

 

Saperenetwork è...

Sarah De Marchi
Sarah De Marchi
Romana, si forma come attrice tra la Capitale e Parigi. Lavora per quindici anni in teatro e in televisione partecipando a tournée in giro per il mondo. Laureata in arti e scienze dello spettacolo con una tesi sul cinema italiano, si è occupata di critica cinematografica. Contemporaneamente ha coltivato la passione ambientalista lavorando come educatrice, ha collaborato ad articoli scientifici in campo ecologico e a diversi progetti di tutela ed educazione ambientale. Ama il rock, la montagna e la poesia. Porta sempre con sé un paio di scarpette d'arrampicata.

Parliamone ;-)

Instagram did not return a 200.