Io non parto più. Le cicogne di Marrakech

Paura, coraggio e crescita, una storia poetica narrata dalla penna di Carolina Germini e dai disegni di Ginevra Vacalebre. Il racconto di un’alchemica commistione tra il desiderio di esplorare nuovi lidi e la paura di lasciare la propria casa

no title has been provided for this book
Paura, coraggio e crescita, una storia poetica narrata dalla penna di Carolina Germini e dai disegni di Ginevra Vacalebre. Il racconto di un'alchemica commistione tra il desiderio di esplorare nuovi lidi e la paura di lasciare la propria casa

Cos’è un nido? Forse è “solo” un piccolo angolo accogliente. Magari un mucchietto di rami disposti nel modo giusto su un traliccio in riva a un lago. Forse è questo che sta pensando il signor Adam, che, nel suo impermeabile giallo, guarda delle cicogne che se ne stanno appollaiate su un traliccio dei fili elettrici, circondato dai mulini a vento.

La fine dell’estate

In questo libro, illustrato da Ginevra Vacalebre e scritto da Carolina Germini (Momo Edizioni, 2020), le pagine ci trasportano a Delft, in Olanda, la città della ceramica blu. Tutto è calmo, come le acque del lago, ma ancora per poco: oggi il signor Adam indossa un impermeabile per andare in bicicletta e la campagna nei dintorni è ormai spoglia. L’estate sta finendo e, come tutti gli anni, di lì a poco, gli uccelli migreranno verso luoghi più caldi dove svernare.

In volo verso un inverno caldo

Daisy e Sandy, le due cicogne protagoniste, ne sono consapevoli. Daisy è una giovane cicogna, rimasta orfana a causa di un bracconiere, e Sandy è la sua mamma adottiva. Lo stormo è pronto a partire, ma Sandy annuncia alle compagne che non verrà, è troppo vecchia, ormai, per viaggiare. Un fulmine a ciel sereno. «Il giorno della partenza è finalmente arrivato. Daisy deve prendere una decisione: partire o restare?».

 

E il coraggio, che cos’è?

Ma la vera domanda è: quale scelta prevede la maggior dose di coraggio? La risposta, nel profondo, la sanno già entrambe: non restare ferme. Le due cicogne si separano, a malincuore, dirette ognuna verso un nuovo futuro. Sorvolando i cieli di Alberobello, Daisy si innamora dei mille colori e profumi di Marrakech, il suo nuovo nido, mentre Sandy si abbandonerà alle cure amorevoli del signor Adam, in nome di quella convivenza ancora possibile, e necessaria, tra uomo e natura.

Molto più di un piccolo angolo accogliente

I due uccelli si ritroveranno, distanti, eppure ancora legati da un filo rosso, lo stesso che si scambiarono il giorno della loro separazione. Con una storia così semplice e poetica, Carolina Germini suggerisce una risposta alla domanda su cosa sia un nido. Forse non è un luogo specifico, è più un senso di appartenenza. A uno stormo, alla madre terra, a un filo rosso. O forse è davvero “solo” quel piccolo angolo accogliente. 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Carolina Germini 🍎 (@germinicarolina)

Saperenetwork è...

Valentina D'Amora
Valentina D'Amora
Educatrice ambientale genovese, appassionata di storie che innescano cambiamenti. Realizza percorsi educativi sul territorio genovese e le piace mettere in pentola progetti sempre nuovi. Ama viaggiare verde e mangiare bene. Mamma di una bimba dal nome della Terra. Ha studiato comunicazione internazionale, frequentato un master di giornalismo ambientale e ha collaborato con diverse testate giornalistiche, cartacee e online. Ha pubblicato “Il ponte silenzioso” (KC Edizioni, 2019) e “GEco – Guida per una rivoluzione ecosostenibile” (Tulipani Edizioni, 2020).

Parliamone ;-)