Laura Conti (1921-1993) era medico, scrittrice e attivista. E' considerata la "madre" dell'ecologismo italiano

Laura Conti (1921-1993) era medico, scrittrice e attivista. E' considerata la "madre" dell'ecologismo italiano

Con gli occhi di Laura. Uno sguardo scomodo sul presente

A cosa avrebbe dedicato la sua attenzione la Conti, se fosse stata ancora con noi? Come avrebbe posto, da par suo, le istanze più “scomode” dell’ambientalismo mentre entrano a far parte dell’agenda politica? Se lo domanda una studiosa che ha analizzato da vicino il suo pensiero.

 LEGGI TUTTO IL DOSSIER Il mio omaggio visivo a Laura con un’opera inedita di FABRIZIO CARBONE /  Gli occhi di Laura. Uno sguardo scomodo sul presente di CHIARA CERTOMÀ / Laura torna in libreria. Intervista a Marco Martorelli di MARCO FRATODDI / Perché fu preziosa per noi di ERMETE REALACCI / A proposito di Laura Conti, madre dell’ecologismo italiano di MASSIMO SCALIA
 LE OPERE LETTERARIE Cecilia e le streghe, fra poesia e noir / Una lepre con la faccia di bambina di LOREDANA LUCARINI
 LA BIOGRAFIA Sulle tracce di Laura Conti, il volume di Valeria Fieramonte di MICHELE D’AMICO

Se oggi le questioni ambientali sono parte integrante del dibattito pubblico, al punto da essere assunte come temi cardine dell’agenda politica e degli investimenti europei per gli anni a venire con l’European Green Deal, lo dobbiamo sicuramente a donne, come Laura Conti, che si sono battute perché gli allarmi lanciati dagli ambientalisti venissero presi seriamente in considerazione.

Dal suo “Visto da Seveso” (1977) che rappresenta una pietra miliare non solo per il pensiero ambientalista italiano, ma per come monitoriamo il rischio industriale (si veda la Direttiva Seveso del 1982), Laura Conti ha dedicato la sua vita all’analisi dei problemi ambientali attraverso la ricerca scientifica e il coinvolgimento della popolazione nell’individuare soluzioni scientificamente fondate ma anche socialmente accettabili. Nel lavoro di Conti il paradigma allora emergente dell’Ecologia Ecosistemica elaborato dall’ecologo statunitense Eugene Odum (1973) diventa cruciale per rendere il sapere ecologico condiviso e democratico. Studiare un fenomeno per poi applicare ad esso il sentimento politico rappresenta la cifra della missione sociale di Conti, la quale ritiene che istruire ed informare è il modo migliore per permettere alla popolazione di partecipare in maniera attiva.

 

 

Partendo dalle radici marxiste, ma a volte anche in dissenso con esse, Conti ha contribuito a quel cruciale passaggio da una concezione estetico-morale delle questioni ambientali (intese come questioni meramente legate alla distruzione della natura e del paesaggio), ad una visione scientifica e politica del rapporto tra esseri umani ed ecosistemi. Lentamente e faticosamente i discorsi degli ambientalisti sono diventati parte della conoscenza e anche della conoscenza e della sensibilità comune.

L’ambientalismo scientifico alla cui nascita ha così profondamente contribuito, emerge infatti come critica puntuale di quelle politiche che determinano conseguenze ambientali devastatanti e impattano sulla vita delle persone. La volontà di dare all’ambientalismo una connotazione politica di sinistra, evitando ogni forma di buonismo ecumenico, lo arricchisce di istanze egalitarie nella convinzione che non esistono problemi ambientali che non siano anche problemi sociali.

È dunque inevitabile che il lavoro di Laura Conti rifletta il percorso e anche la difficoltà con cui il marxismo italiano degli anni ‘70 – di cui Laura adotta l’interpretazione sociale  ma rifiuta il dogmatismo – si accosta al movimento ambientalista, allora emergente, cercando di interpretare la complessa relazione tra scienza, potere e società. Prefigurando molti dei temi che saranno centrali nel dibattito internazionale dei decenni successivi, Conti si interessa di temi propri della giustizia ambientale, degli oligopoli dell’energia, dei conflitti per il controllo delle risorse naturali e della gestione del rischio ambientale.

 

Mi sono spesso chiesta a cosa oggi Laura Conti avrebbe dedicato la sua attenzione. Si sarebbe chiesta quali sono le insidie di un ambientalismo di sistema, come quello che stiamo vedendo affermarsi in questi anni in Europa, in cui le istanze più “scomode” del pensiero ambientale vengono normalizzate ed entrano a far parte dell’agenda politica internazionale?

Sebbene questa sembri l’unica strada percorribile, è difficile sperare che i compromessi cui i decisori politici devono sottomettersi per giungere a degli accordi con i vari attori della governance globale potranno essere efficaci. Le questioni ambientali sono complesse e controverse, spesso chiamano responsabilità precise, ma raramente esistono soluzioni in grado di non scontentare nessuno (pena il loro non essere delle vere soluzioni). Difficilmente sarà possibile continuare a garantire l’attuale stile di vita alle popolazioni del Paesi più ricchi o supportare il ritmo di crescita economica (e quindi anche dei consumi) dei Paesi emergenti, o anche continuare a ignorare la pressione delle masse di disperati che dai Paesi più poveri e devastati dalla guerra, aspirano ad una vita migliore. Difficilmente il progresso tecnologico potrà  evitare gli effetti del cambiamento climatico, della sovrappopolazione e la pressione sulle risorse, le conseguenze dell’inquinamento sulla salute degli esseri viventi, e l’impatto degli ingenti movimenti di beni e persone che attendono la fine della terribile pandemia che stiamo vivendo per riprendere a pieno regime.

Si sarebbe chiesta oggi Conti quali sono i costi sociali della transizione energetica, o quelli ambientali della svolta digitale e della gig economy? Ovviamente non saprei dirlo, ma è certo che il suo lavoro ha fornito a noi oggi gli strumenti critici e anche il compito di provare a rispondere a queste nuove domande.

Leggi anche
A proposito di Laura Conti, madre dell’ecologismo italiano

 

Clicca e segui la diretta

Saperenetwork è...

Chiara Certomà
Chiara Certomà
Chiara Certomà è ricercatore all’Università degli studi di Torino, già assegnista presso l’Istituto Dirpolis - CDG Lab e l’Istituto di Management – SUM Lab. Lavora sui temi della governance e pianificazione di città e comunità sostenibili e sulle strategie di marketing regionale. Si è laureata in Filosofia della Scienza presso l’Università di Roma “La Sapienza” (2003), ha ottenuto un master in Comunicazione Ambientale presso il Dipartimento di Scienze dell’Uomo e dell’Ambiente, Università di Pisa, (2004) e un dottorato in Scienze Politiche presso la Scuola Sant’Anna (2009). Ha svolto periodi di ricerca presso il dipartimento di geografia della Open University, UK (2007), presso il dipartimento di scienze politiche dell’Università di Parigi, “La Sorbonne” (2011), il Rachel Carson Center for Environment and Society dell’Università di Monaco di Baviera (2012) e il Dipartimento di Architettura e Pianificazione Urbana dell’Università di Gent (2013). È stata borsista post-dottorato (2010-2013) e assegnista di ricerca (2009) in politica ambientale presso la Scuola Sant’Anna; borsista in sviluppo rurale presso il Dipartimento di Economia dell’Università di Pisa (2005); e borsista in Sostenibilità Ambientale per il Dipartimento Ambiente della provincia di Roma (2005). Ha svolto attività di consulenza e lavorato presso ONG italiane che si occupano di temi ambientali (Legambiente, Greenpeace, ASud e Fondazione dei Diritti Genetici) e presso l’Istituto Nazionale di Statistica, Dipartimento Statistiche economiche strutturali sulle imprese e le istituzioni, del commercio con l’estero e dei prezzi al consumo (2010-2012). Ha pubblicato nel 2012, con una prefazione di Loredana Lucarini, il volume "Laura Conti. Alle radici dell'ecologia" (Biblioteca del Cigno di Legambiente)

Parliamone ;-)