Featured Video Play Icon

L'evento on-line è visibile su questa pagina

Cent’anni dalla nascita di Laura Conti. Cadranno mercoledì 31 marzo e rappresentano l’opportunità per riflettere, partendo da questa straordinaria figura di scrittrice, attivista e studiosa, sulla memoria del movimento ambientalista e sull’impegno delle diverse generazioni, oggi vivo più che mai, verso modelli di convivenza coerenti con la salute del pianeta.

Un aspetto fondamentale, ci sembra, quello della continuità fra i valori che tengono insieme i “pionieri” del pensiero ambientalista e le nuove leve che oggi chiedono scelte concrete per il bene comune del clima. Specialmente adesso che la sostenibilità conquista sempre più spazio nel discorso pubblico e la transizione ecologica diventa un obiettivo istituzionale, speriamo nella sua dimensione più autentica, quella cioè che passa attraverso la ristrutturazione degli schemi culturali che determinano le scelte delle persone, i processi produttivi, gli indirizzi politici, la nostra maniera, insomma, di abitare il pianeta.

 

 

Quali dunque le figure che hanno indicato questo cammino, quale il debito culturale verso quanti hanno posto per primi l’ipotesi di mettere l’ambiente al centro di un nuovo progetto per l’umanità, sfidando spesso il conservatorismo delle strutture cui appartenevano (è il caso proprio della Conti, consigliera regionale in Lombardia e poi deputata del Pci) e più in generale le convinzioni del tempo, centrate sul boom economico e sull’idea di una crescita senza limiti?

E quali le potenzialità di una visione, quella ambientalista, che ha attraversato indenne (a differenza di altre) il passaggio del millennio ma che oggi è chiamata a mettere in discussione anche se stessa per essere davvero determinante nel cambiamento?

Proviamo a comprenderlo attraverso un ciclo d’incontri, all’interno della nostra Scuola di ecologia, che inizia proprio da Laura Conti (l’appuntamento ancora una volta è on-line, il 31 marzo fra le 16.00 e le 18.00 su www.sapereambiente.it, www.scuoladiecologia.it e sui rispettivi canali social) e proseguirà intorno ad altri esponenti, gruppi, momenti chiave, ambiti di ricerca che hanno portato all’oggi. Lo faremo, durante questo primo evento, insieme a quanti hanno conosciuto Laura Conti e vissuto al suo fianco la stagione dell’impegno, a quanti ne osservano il pensiero ancora vivo, ancora moderno, sorprendentemente attuale anche al cospetto degli shock che stiamo sopportando. A quanti ne proseguono su diversi versanti la lezione e le battaglie, tuttora necessarie.

Perciò grazie Laura e grazie a quanti ci aiuteranno a riportane al presente la grandezza.

Ps. Sempre mercoledì 31, alle 18.00, comincerà un incontro online del Circolo Legambiente di Seveso intitolato a Laura Conti con altri ospiti interessanti, noi lo seguiremo e invitiamo anche voi a farlo

 

Programma

Intervengono

Ferruccio Capelli, direttore della Casa della Cultura di Milano
Chiara Certomà, ricercatrice, Università di Torino
Elena Gagliasso, docente di Filosofia della scienza, Università di Roma “La Sapienza”
Walter Ganapini, Membro onorario del Comitato scientifico dell’Agenzia Europea dell’Ambiente
Loredana Lucarini, Legambiente Lombardia
Marco Martorelli, custode dei testi di Laura Conti
Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia
Massimo Scalia, docente di Fisica matematica, Università di Roma “La Sapienza”

Coordina

Rosy Battaglia, giornalista

 

 

Saperenetwork è...

Marco Fratoddi
Marco Fratoddi
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, è direttore responsabile di Sapereambiente, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino con un corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media dal quale è nato il magazine studentesco Cassinogreen. E' caporedattore di Agricolturabio.info, il magazine dedicato all'agricoltura che innova nella direzione del biologico e biodinamico. Ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). Ha diretto dal 2005 al 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini, è stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)