La sonosfera

All'interno della sonosfera (Foto: Luigi Angelucci)

Cinque minuti di buio assoluto, immersi nei suoni di foreste incontaminate dove la natura ha potuto evolversi per milioni di anni senza l’intervento dell’uomo. Inizia così l’esperienza “Frammenti di Estinzione” all’interno della Sonosfera allestita all’Università Cattolica di Milano, un’immersione sonora e visiva negli ecosistemi incontaminati del Borneo, dell’Amazzonia e dell’Africa. Ospitata a Milano in occasione del Fuorisalone, la Sonosfera è stata progettata da David Monacchi, artista interdisciplinare e ingegnere del suono, insieme a Paolo Casali, e realizzata per la prima volta nel 2020 nell’ambito di Pesaro Città Creativa Unesco della Musica.

 

L’artista e ingegnere del suono David Monacchi

 

Nelle sue esplorazioni in Amazzonia, Bacino del Congo e Borneo, Monacchi ha registrato i suoni delle foreste primarie equatoriali, un patrimonio sonoro della biodiversità che il pubblico può ascoltare all’interno dell’eco-teatro.

Immersione sensoriale e aggiornamenti scientifici

Completamente isolata dall’esterno, la Sonosfera accoglie il pubblico con una doppia cavea simile ad un anfiteatro, dove 45 altoparlanti creano un campo sonoro sferico e i contenuti audiovisivi sono proiettati a 360° ad altissima definizione. Il pubblico si immerge nell’ascolto dei suoni delle foreste equatoriali più antiche della Terra, registrati da Monacchi in quasi vent’anni di ricerche ed esplorazioni in tutto il pianeta. L’esperienza di ascolto è intima e personale, ma suggerisce una riflessione collettiva sulla perdita di biodiversità sul nostro pianeta a causa della attività antropiche.

 

Guarda il video dell’inaugurazione

 

La riproduzione con tecnologie tridimensionali dei suoni della natura è accompagnata dalla proiezione dei dati scientifici più aggiornati sui cambiamenti climatici in atto e sulla perdita di biodiversità elaborati da Nazioni Unite, Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC), Piattaforma intergovernativa sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (IPBES), Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), Bioscience e WWF-ZSL.

Un ascolto intimo per una consapevolezza collettiva

Il progetto “Frammenti di Estinzione” proposto all’interno della Sonosfera fa uso di tecnologie all’avanguardia per creare un’atmosfera immersiva e coinvolgente, che permette alla singola persona un’esperienza sensoriale profonda per riconnettersi alla natura primordiale. L’intreccio tra natura e tecnologia, attraverso la suggestione potente della musica delle foreste, vuole essere uno strumento di consapevolezza sulle attuali sfide climatiche. Ha spiegato David Monatti all’inaugurazione milanese:

«L’esperienza che abbiamo disegnato è multi-codice: un’esperienza sensoriale, educativa, politica. Sono le tre aree di questo lavoro, perché possa essere un “acceleratore di coscienza” sull’urgenza della transizione ecologica».

Un messaggio rivolto soprattutto alle giovani generazioni perché colgano, attraverso la consapevolezza, l’urgenza dell’agire per fermare la perdita della biodiversità.

 

L'interno della cupola anfiteatro Sonosfera
(Foto: Luigi Angelucci)

 

La Sonosfera sarà a Milano fino al 28 aprile 2024. L’accesso è gratuito, previa prenotazione sul sito dedicato.

 

Saperenetwork è...

Sara Brunelli
Veneta di origine e milanese d’adozione, dal 2003 scrive di scienza e tecnologia, con particolare interesse per robotica, intelligenza artificiale, impatto del digitale sulla società e sull’ambiente. Dopo la laurea in Matematica e un Master in Comunicazione Scientifica ha collaborato con l’Università di Milano per la mostra “Simmetria, giochi di specchi”, il Museo della Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci”, la rivista di divulgazione scientifica “Newton” e altre testate e siti siti web. Accanto all’attività giornalista è docente presso un ente di formazione professionale, dove insegna matematica e informatica e re-impara a vedere il mondo attraverso gli occhi di ragazze e ragazzi. I loro sogni e le loro aspettative sono ispirazione per costruire ogni giorno un mondo migliore e mettere le parole al servizio di un futuro più sostenibile.

Sapereambiente

Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!


Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione

 Privacy policy


Parliamone ;-)