Il sentiero di Gianmaria Testa

"Il sentiero e altre filastrocche" di Gianmaria Testa. Disegni di Valerio Berruti

Il sentiero e altre filastrocche. Canzoni su due ruote, per bambini e adulti

Sono tre preziose filastrocche senza età, quelle “cantate” da Gianmaria Testa e illustrate da Valerio Berruti. Tra pedalate su bici rosse, sentieri bianchi e bambini vestiti d’acqua e carte geografiche, il nostro mondo raccontato con lo sguardo puro dei più piccoli

 

«Di sicuro non sappiamo questa via dove porta

se sia lunga come il mondo, tutta dritta oppure storta

la prendiamo per partire, per andare via di qua

vi lasciamo tutto quanto, vi lasciamo la città».

Diciannove illustrazioni che sanno di carte geografiche e dizionari. È Il Sentiero e altre filastrocche, di Gianmaria Testa, poeta e canzoniere, noto anche come “Il ferroviere” (per tanti anni ha lavorato come capo stazione) e Valerio Berruti, illustratore per ragazzi e non solo, che utilizza tecniche artistiche miste per i suoi lavori, edito da Gallucci. Il libro si compone di tre lunghe filastrocche che sanno di canzone: “Il sentiero”, una ribellione bambina per andar via lontano; “Le parole straparlate”, le parole del dizionario vogliono punire gli adulti per il loro mal parlare; “Ventimila leghe in fondo al mare”, un litigio delle acque rende tutto arido e buio.

 

"Il sentiero e altre filastrocche" di Gianmaria Testa. Disegni di Valerio Berruti
“Il sentiero e altre filastrocche” di Gianmaria Testa. Disegni di Valerio Berruti

 

Carte geografiche e vestiti rossi

Una bambina, con la veste di carta geografica, guarda indietro, pedala in avanti nel piccolo sentiero bianco con una bicicletta rossa, pensa di andar oltre sulla mappa; una bambina, seduta con le ginocchia tra le braccia, su un tappeto arancione steso nel pavimento-pagina di dizionario, dialoga con le parole; un bambino vestito d’acqua, seduto sul pavimento-carta per naviganti, gioca con le onde, i mari e i fossi, ascolta il loro rifiuto di mischiarsi, forse evapora anche lui contagiato da una febbre secessionista.

Canzoni in bicicletta

L’ attenzione va a “Il sentiero”, perché si va in bicicletta. La bicicletta è, per chi scrive questa rubrica, passione, spinta, viaggio. Qui una fila di bambini che pedalano lungo un piccolo sentiero nel cemento cittadino. Qui una via stretta e piccola dove non tutti possono passare. Qui uno sguardo ingenuo e limpido che solo i bambini possono avere.

 

«Così disse la bambina a quel vigile severo

e poi senza più aspettare, pedalò verso il sentiero

che di questo si trattava, non di strada o quel che sia

solo un modo per partire, per andar via».

 

Leggi anche
Fa rima con futuro, la crisi ambientale spiegata ai bambini

Saperenetwork è...

Fernanda Pessolano
Fernanda Pessolano
Fernanda Pessolano (1966) è un'artista appassionata di bicicletta e di natura. da sempre svolge laboratori artistici e di promozione della lettura per bambini e ragazzi, progetta manifestazioni culturali per l'associazione Ti con Zero. Nel 2013 fonda la Biblioteca della bicicletta Lucos Cozza, l'unica in Europa dedicata al ciclismo e alla bicicletta.
Alla bicicletta ha dedicato l'installazione artistica "Coppi ultimo, la mostra di illustrazioni tattili "I 10 perché della bicicletta", con trascrizione in braille, la mostra di teatrini e diorami "Giro giro tondo" ispirati al Giro d'Italia, e il grande gioco dell'oca "I campioni e i gregari".

Parliamone ;-)