Featured Video Play Icon

La testimonianza di Marzia Viglioni di Unhcr in Africa

Epidemia tra i rifugiati, l’Unhcr: «Serve solidarietà internazionale»

L’Unhcr lancia un appello e una raccolta fondi per contrastare la pandemia in 71 paesi vulnerabili nel mondo. Preoccupa in particolare la situazione in Niger, un paese già martoriato da povertà e violenza estreme

È un impatto già devastante oggi, ma che potrebbe trasformarsi presto in una catastrofe inimmaginabile. I 71 milioni di rifugiati presenti nel mondo sono oggi tra i più esposti e vulnerabili all’avanzata del coronavirus e alle sue gravissime conseguenze, dirette e indirette. Sebbene, ad oggi, siano ancora limitati i casi di contagio rilevati, l’impatto sulle vite fragili delle persone in fuga da guerre e persecuzioni è enorme. A ciò si aggiunge la previsione che nei paesi più poveri il picco non sarà raggiunto prima dei prossimi tre-sei mesi.

 

Covid-Unhcr
Una giovane siriana indossa una maschera durante un seminario di sensibilizzazione sul Coronavirus tenuto dal dottor Ali Ghazal in un campo per sfollati nella provincia di Idlib nord-occidentale della Siria, vicino al confine con la Turchia ( Foto: Ritzau Scanpix)

 

In questo momento l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) sta intervenendo  per contrastare la diffusione del virus e proteggere i rifugiati dalle sue conseguenze, preparandosi ad affrontare ogni scenario futuro, anche il peggiore.

L’appello alla solidarietà internazionale

Per questo motivo l’Unhcr Italia ha deciso di lanciare la campagna Emergenza senza confini, solidarietà senza confini, un appello rivolto all’opinione pubblica italiana affinché in questo momento così difficile e incerto non vengano dimenticati i più deboli, milioni di rifugiati che devono proteggersi non solo dal Covid-19 ma anche dalle bombe, dalla violenza e della povertà. La solidarietà globale è la chiave per superare questo momento di emergenza mondiale e soltanto insieme possiamo superarlo e ripartire. L’80% degli oltre 70 milioni di rifugiati e sfollati vive in paesi poveri, con strutture sanitarie deboli. Alcuni fra questi paesi sono già colpiti duramente da conflitti, fame, povertà e malattie.

«Moltissime fra le persone costrette alla fuga – spiega Carlotta Sami, Portavoce dell’Unhcr per l’Italia – vivono in aree urbane densamente popolate o campi, all’interno dei quali spesso non ci sono strutture sanitarie, condizioni igieniche e sistemi di protezione adeguati».

 

Carlotta Sami
Carlotta Sami, portavoce Unhcr per l’Italia

Emergenza sanitaria ed economica

L’impatto catastrofico del Covid-19 non è solo sanitario, è anche economico, aggiunge Sami: «Molte persone non hanno più nessun introito necessario per sopravvivere». Sono le donne, gli anziani e i bambini, soprattutto i non accompagnati, e le persone Lgbti  le più a rischio di povertà e sfruttamento. In Africa e in Medio Oriente, centinaia di migliaia di rifugiati non hanno più nessuna fonte di reddito per la loro sopravvivenza a causa del lockdown. In Libano quasi il 70% dei rifugiati assistiti da Unhcr è costretto a saltare i pasti, essendo impossibilitati a svolgere i lavori cosiddetti a giornata per via del lockdown.

Il Niger sull’orlo di un potenziale disastro

Un caso emblematico di estrema vulnerabilità è il Sahel, nell’Africa Sub Sahariana, una regione fortemente instabile e povera, nella quale i gruppi armati continuano a compiere devastazioni, aggredendo allo stesso modo polizia e militari, civili, scuole, ambulatori, insegnanti e personale sanitario. I sistemi sanitari in paesi quali il Niger o il Burkina Faso sono molto fragili. Inoltre i tassi di povertà in Niger sono tra i più alti al mondo e in queste aree si registrano gli effetti in assoluto più duri dei cambiamenti climatici, che comportano fra le altre cose scarsità di cibo e acqua. Recentemente, l’Alto Commissario ONU per i Rifugiati, Filippo Grandi ha chiaramente avvertito che una eventuale diffusione del Covid-19 in questa area potrebbe rappresentare un disastro umanitario. L’Unhcr sta lavorando per prevenire questo grave rischio.

L’impegno sul territorio

In Niger, l’impegno dell’Unhcr per fronteggiare l’avanzata del Covid-19 si svolge su più fronti, in primis il rafforzamento della comunicazione ai rifugiati sull’importanza dell’igiene e di un’appropriata gestione dei rifiuti, ma anche la distribuzione di prodotti per la pulizia e l’igiene personale e la formazione di operatori sanitari.

Un altro aspetto cruciale è il supporto al governo per la fornitura di staff medico e materiale sanitario, con la formazione di circa 200 risorse fra medici, infermieri, ostetriche, igienisti, analisti e ha anche messo a disposizione 11 ambulanze.

Inoltre, l’Unhcr ha messo a disposizione 350 Rhu (Refugee Housing Unit, moduli abitativi innovativi) che funzioneranno come centri di triage per separare i casi di Covid-19 e fornire le necessarie cure. Ciascun Rhu potrà contenere 2 persone.

L’appello internazionale

Per rafforzare la sua azione di prevenzione e di risposta al Covid-19, soprattutto nei contesti vulnerabili dove c’è un’alta concentrazione di rifugiati e sfollati, l’Unhcr ha lanciato un appello internazionale per 745 milioni di dollari. L’intervento dell’Unhcr si focalizza sui 71 paesi più vulnerabili: negli insediamenti in Europa, in Grecia e Turchia, nel Medio Oriente, tra Iraq, Giordania, Libano, Siria e Yemen. In America, in Venezuela e Colombia; nell’area dell’ Asia e del Pacifico, tra Afghanistan, Bangladesh, Pakistan, Indonesia, Iran, Malesia.

 

Chad, rifugiati e studenti
Idriss, 21 anni, e Leila, 25 anni, rifugiati dalla Repubblica Centrafricana, distribuiscono materiale per impedire la diffusione di COVID-19 a una famiglia a N’Djamena, in Ciad

 

Ma una larga parte dei paesi oggetto dell’intervento si trova nel continente africano, dove si trovano i paesi con gli indici di sviluppo più drammatici:  Etiopia, Kenya, Ruanda, Somalia, Sud Sudan, Sudan, Tanzania, Uganda in Africa orientale; in Repubblica Democratica del Congo nell’Africa meridionale; in Burkina Faso, Camerun, Ciad, Repubblica Centrafricana, Mali, Niger, Nigeria, Ruanda, Sudan, Malawi, Kenia nell’Africa centrale e occidentale. I 745 milioni richiesti dall’ Unhcr e il lavoro che l’agenzia sta realizzando, fanno parte della risposta globale all’emergenza coronavirus fornita insieme ad altre agenzie delle Nazioni Unite, tra le quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il World Food Programme, e Ong come Oxfam. L’appello complessivo per la risposta globale al Covid-19 ammonta a 6,7 miliardi di dollari entro la fine del 2020.

Per saperne di più www.unhcr.it

Saperenetwork è...

Redazione Sapereambiente
Redazione
Sapereambiente è una rivista d'informazione culturale per la sostenibilità. Direttore responsabile: Marco Fratoddi. In redazione: Valentina Gentile (caporedattrice), Michele D'Amico, Sarah De Marchi, Roberta Sapio, Adriana Spera. È edita da Saperenetwork, società del gruppo Hub48 di Alba (Cn). Stay tuned 😉

Parliamone ;-)