Featured Video Play Icon

Julian Assange, giornalista e attivosta australiano, rischia 175 anni di carcere per le proprie rivelazioni sui crimini di guerra della Nato (Foto:Flickr)

Insieme per Assange

Oggi l’incontro “Julian Assanga, le iniziative nazionali e internazionali contro l’estradizione” organizzato dall’agenzia internazionale Pressenza nella sede romana dell’agenzia DIRE insieme a Left, Peacelink e il Comitato Free Assange

DALLA SEDE DI ROMA DELL’AGENZIA DIRE A PARTIRE DALLE 17:00

Confermata l’estradizione da parte del Regno Unito, il giornalista e attivista australiano Julian Assange, fondatore di Wikileaks, in qualsiasi momento potrebbe essere estradato negli Usa dove rischia una condanna a 175 anni di prigione per reati di spionaggio. Sembra un caso drammaticamente chiuso, ma secondo l’agenzia giornalistica Pressenza

«Possiamo fare molto: intanto chiarendo che il caso Assange è un caso emblematico di una tendenza generale al disconoscimento delle conquiste umane in termini di libertà,

che il caso Assange è l’esplicita dichiarazione dei poteri forti del fatto che sono invincibili, extragiudiziari e, soprattutto, esenti da qualunque condanna morale: hanno licenza di uccidere, torturare, violentare, mentire. E che le leggi e convenzioni internazionali, frutto di tanto lavoro e lotta dei popoli, possono diventare carta straccia di fronte ai ‘superiori interessi’ degli Stati, della guerra, del profitto».

 

 

Pressenza prosegue: «Questa tendenza va smascherata e combattuta: l’orribile tortura a cui viene sottoposto Julian è l’avvertimento ad ogni altro giornalista di inchiesta: limitate le vostre inchieste alla vostra secondarietà preferita, magari un po’ di gossip, magari un tocco di noir; ma non vi azzardate a mettere in discussione l’apparato finanziario-industrial-militare né i suoi esecutori materiali».

 

Leggi anche
Giornata mondiale della libertà di stampa, un sit in per Assange davanti alla Rai

 

Assange, tramite Wikileaks e con la collaborazione di importanti testate giornalistiche, ha reso pubblici documenti che rivelano potenziali crimini di guerra e contro l’umanità commessi dalle forze armate americane e britanniche nei conflitti in Afghanistan e Iraq. Continua il comunicato di Pressenza:

«Come si combatte questa tendenza: con coraggio, determinazione e con la forza della Verità: la verità che non è dogma ma processo di ricerca, di smascheramento. E si fa con il costante lavoro di informazione, di critica, di inchiesta che è il compito di fondo dell’attività giornalistica; se al giornalismo leviamo questo lavoro resterà solo la propaganda; e la propaganda, da qualunque parte venga è solo violenza».

Una chiamata all’azione comune quella di Pressenza, attivata attraverso l’incontro di oggi pomeriggio “Julian Assanga, le iniziative nazionali e internazionali contro l’estradizione” organizzato con Dire, Left, Peacelink e il Comitato Free Assange: nel corso del confronto, saranno presentate nuove iniziative da intraprendere. L’appuntamento è per oggi, 30 giugno, alle ore 17, presso la sede di Roma dell’agenzia di stampa Dire, in Corso d’Italia, 38/a e in streaming su DireTV e sulla Pagina Facebook Dire.it. Sono previsti gli interventi di: Simona Maggiorelli, Direttrice di Left, Patrick Boylan, PeaceLink e Comitato Free Assange, Olivier Turquet, Pressenza. Modera: Nicola Perrone, direttore Agenzia Dire.

Saperenetwork è...

Redazione
Sapereambiente è una rivista d'informazione culturale per la sostenibilità. Direttore responsabile: Marco Fratoddi. In redazione: Valentina Gentile (caporedattrice), Sarah De Marchi, Roberta Sapio, Adriana Spera. È edita da Saperenetwork, società del gruppo Hub48 di Alba (Cn). Stay tuned 😉

Sapereambiente

Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!


Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione

 Privacy policy


Parliamone ;-)