Una farfalla con ali nere striate di azzurro

Butterfly Eden, il paradiso delle farfalle nel centro di Roma

Inaugurata il 12 settembre, la nuova Casa delle Farfalle dell’Orto Botanico di Roma è un eden di farfalle tropicali nel cuore della Capitale. La struttura offre ai visitatori la possibilità di un conoscere i lepidotteri grazie alle competenze di biologi, naturalisti e fisici

Il paradiso delle farfalle tropicali nel centro di Roma. È la nuova iniziativa dell’Orto Botanico dell’Università La Sapienza che ha inserito in pianta stabile tra i suoi splendidi giardini di Villa Corsini, nel cuore di Trastevere: la Butterfly Eden, una moderna e luminosa tendostruttura climatizzata dove vivono e si riproducono in libertà farfalle e falene tropicali. La nuova Casa delle Farfalle è creata e gestita da Pandoracasanatura, un’associazione di promozione sociale per la ricerca e la divulgazione scientifica in outdoor education.

 

Magia tropicale nel cuore di Roma

Inaugurata poche settiane fa, la Butterfly Eden offre ai visitatori un’esperienza unica a diretto contatto con queste splendide e misteriose creature, arricchita dalla pluriennale esperienza dei biologi, naturalisti e fisici di esperienza pluriennale con predilezione nello studio della lepidotterologia, fondatori dell’associazione: Ilaria Pimpinelli, ideatrice del progetto, Mario De Stefano, Valerio Viglioglia, Alexia Ferrantini, Livia Mazzei, Alessia Cruccas, Matteo Barrano che hanno lavorato durante tutta l’estate per arrivare all’inaugurazione settembrina.

Un mondo da scoprire

Il visitatore entra “in punta di piedi” nel mondo delle farfalle tropicali, con la loro straordinaria varietà di forme e colori, e ha così modo di scoprire i grandi temi dell’ecologia e della vita sulla terra. Il significato nascosto delle loro bellissime livree, il complesso ciclo vitale, il fondamentale ruolo ecologico svolto in natura e la coevoluzione con il mondo vegetale sono solo alcune delle esperienze cognitive proposte dai naturalisti. Le ambientazioni del giardino tropicale sono sempre diverse: si abbinano, infatti, specifiche specie di farfalle ai colori e alle forme delle foglie e dei fiori nel contesto stagionale.

Tra scienza e meraviglia

«Il nostro spazio è progettato per non perdere mai di vista le moltissime farfalle che volano intorno a noi – spiegano i naturalisti di Pandoracasanatura – Qui non si “simula” nessuna ambientazione naturale, piuttosto ogni “mostra” raduna e sottopone alla nostra attenzione elementi della natura da osservare, toccare e comprendere, con un ricambio continuo nel corso dell’anno di contenuti scientifici, farfalle, fiori, piante, piccole creature mai viste, tutto in tante e diverse attività sociali. I visitatori saranno guidati a conoscere le varie fasi della vita delle farfalle e potranno vederle schiudere dalle crisalidi, distendere le ali, prendere il volo, nutrirsi su fiori e frutti maturi, accoppiarsi e deporre le uova. È anche possibile individuare i bruchi sulle piante nutrici, come nel caso di Attacus atlas, la farfalla più grande del mondo».

 

Una foresta pluviale a Trastevere

La tensostruttura è dotata di una passerella di legno di castagno, all’interno c’è un sistema di vaporizzatori per ottenere un clima molto caldo e umido, indispensabile per il benessere di specie di farfalle provenienti dai luoghi più antichi, stabili, complessi e biodiversi del pianeta: le foreste pluviali.

«Il termine mostra è chiaramente una semplificazione linguistica – sottolineano i curatori dello spazio espositivo – si tratta in realtà di macro-temi di allestimento che svolgiamo qui al Butterfly Eden, come parte di un percorso di outdoor education. Il Butterfly Eden è quindi un innovativo Laboratorio della diversità, aperto alle persone di tutte le età e senza barriere architettoniche e culturali».

Una particolare attenzione è dedicata al mondo della scuola e dell’educazione in generale con proposte educative specifiche pensati per ogni fascia d’età degli allievi. Gli allevamenti di bruchi di farfalle e di falene sono visibili agli studenti che potranno seguire e toccare letteralmente con mano tutti i passaggi della metamorfosi. Saranno possibili percorsi guidati e laboratori naturalistici.

Per saperne di più: www.butterflyeden.it

 

 

Saperenetwork è...

Sabrina Mechella
Sabrina Mechella
Sabrina Mechella ha iniziato la professione giornalistica collaborando col quotidiano Il Messaggero. È stata addetta stampa per il Comune di Viterbo ed è poi passata alla cronaca giudiziaria per alcuni quotidiani online. Dal 2010 si occupa di ambiente, prima come redattore del bimestrale Eco-news, poi con Ideegreen.it e con La Stampa - Tuttogreen. È stata ideatrice e conduttrice del programma Amici animali, in onda nel 2019 su Tele Lazio Nord

Parliamone ;-)